Scuola Sottufficiali Esercito: iniziato il Corso di Branca per 120 marescialli della specializzazione Comando

Ha avuto inizio ieri, 29 gennaio, il “Corso di Branca” per 120 Marescialli appartenenti alla specializzazione “Comando”, ha fatto sapere con un comunicato stampa di ieri la Scuola Sottufficiali dell’Esercito.

Il Corso, spiega il comunicato, è finalizzato alla “formazione avanzata” del personale da abilitare a operare nelle diverse branche funzionali dei Comandi di livello Brigata e superiore.

Il percorso formativo si articola in quattro fasi: formazione a distanza (due settimane destinate all’acquisizione dei principi generali delle materie oggetto di approfondimento durante la successiva fase basica); basica (tre settimane, finalizzate all’approfondimento della conoscenza di base degli strumenti dottrinali, procedurali e gestionali da impiegare a livello Comando Brigata e Grande Unità, tanto in contesti addestrativi quanto operativi); specialistica (cinque settimane, per l’acquisizione delle conoscenze relative alla specifica branca funzionale) e linguistica (opzionale, tendente al conseguimento di un adeguato livello della conoscenza della lingua inglese indispensabile per l’assolvimento dei futuri incarichi).

La Scuola Sottufficiali dell’Esercito ha il compito primario di formare Marescialli Comandanti di plotone e Marescialli con specializzazione “Sanità” che posseggano un’adeguata preparazione tecnico-professionale e un bagaglio culturale appropriato al ruolo.

L’iter formativo si sviluppa coniugando una didattica di livello universitario, finalizzata al conseguimento della laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali per il personale assegnato alla specializzazione “Comando”, con un’intensa attività ginnico-sportiva unitamente a un impegnativo programma di attività militari, teoriche e pratiche, svolte in sede, in aree e strutture addestrative sul territorio nazionale.

Articoli correlati:

La Scuola Sottufficiali dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola Sottufficiali dell’Esercito