Esercito, Toro 2019: inizia l’attività congiunta, il CaSME Gen Farina “un’occasione per accrescere bagaglio professionale”

Con il termine delle attività di preparazione e amalgama inizia l’attività congiunta dell’Esercitazione Toro 2019, comunica lo Stato Maggiore dell’Esercito (SME).

L’esercitazione Toro 2019 è infatti entrata nella fase più importante: la condotta di attività tattiche di combattimento congiunte tra i soldati della Brigata Pinerolo e la Brigata spagnola Aragon I.

Le due Unità, fa sapere lo SME con un comunicato stampa del 18 novembre, hanno condotto nei giorni scorsi un’intensa attività di amalgama e preparazione finalizzata a testare l’interoperabilità dei sistemi di Comando e Controllo e le procedure attuative che verranno impiegate nell’ambito dell’assolvimento dei diversi compiti tattici, impiegando “a fuoco” tutte le piattaforme e sistemi d’arma schierati per questo fondamentale momento addestrativo.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, a premessa dell’avvio della fase di condotta dell’esercitazione, si è rivolto ai soldati della Pinerolo sottolineando come le attività esercitative congiunte, quali l’Esercitazione Toro 2019, rappresentino “un’occasione essenziale per accrescere il bagaglio professionale di tutti noi, e siano da stimolo per fare sempre meglio, esprimendo potenzialità peculiari della componente terrestre della Difesa uniche e attuabili solamente dall’Esercito. Per questo motivo abbiamo il dovere di essere sempre pronti a operare per la Difesa dell’Italia e per la sicurezza internazionale.”

La Toro 2019, si apprende, vedrà nei prossimi giorni lo sviluppo di attività di combattimento in cui, secondo un approccio inter-arma, tutte le tipologie di Unità schierate verranno impiegate in maniera sinergica e combinata, consentendo a soldati italiani e spagnoli di accrescere la loro interoperabilità ma anche la conoscenza reciproca di capacità procedure e sistemi d’arma.

“La collaborazione tra la Brigata Pinerolo e la Aragon I, nasce dalla firma di una lettera d’intenti tra l’Esercito Italiano e l’Ejercito de Tierra siglata il 25 settembre 2017 nel corso del 4° Forum dei Comandanti delle Forze terrestri europee, – spiega lo SME – che prevedeva la forte volontà di rafforzare le attività esercitative tra le parti, al fine di implementare l’interoperabilità di procedure e sistemi tra le due forze armate attraverso la stretta collaborazione e affiliazione tra due unità di livello Brigata“.

La Brigata Pinerolo si è schierata nell’area addestrativa “San Gregorio” di Saragozza con il Posto Comando di Brigata, l’82° Reggimento Fanteria Torino e assetti del 21° Reggimento Artiglieria Terrestre Trieste, 11° Reggimento Genio e 232° Reggimento Trasmissioni.

Articoli correlati:

La Toro 2019 in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SME PIC Roma