Nov 26, 2005
169 Views
0 0

Camp Bondsteel, Kosovo: secondo Le Monde una “piccola Guantanamo”

Written by

pubblicato da Embedded il 26 novembre 2005

Camp Bondsteel è la base militare Usa situata a Urosevac, nel sud del Kosovo.

Ieri 25 novembre il quotidiano francese Le Monde ne ha parlato in apertura come di una “piccola Guantanamo”, riportando le dichiarazioni del commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Alvaro Gil Robles che ha visitato la base nel settembre 2002.

Robles parla di un sito che visto dall’alto di una torretta sembra la ricostruzione in piccolo di Guantanamo. Dice di aver visto nel corso della sua visita al campo, accompagnato dall’allora comandante di Kfor il generale francese Marcel Valentin, tra i 15 e i 20 prigionieri vestiti di tute arancioni “come quelle dei detenuti di Guantanamo”.

A Camp Bondsteel, secondo quanto riportato da Globalsecurity, è dal 1999 che è presente un’area di detenzione interna alla base militare. Una struttura costruita con tende dalle pareti e dai pavimenti in legno compensato, con elettricità, luce e riscaldamento. Una zona docce e le misure di sicurezza perimetrali caratterizzano la struttura che ha sostituito le prime celle di detenzione provvisorie. L’area di detenzione di Camp Bondsteel, sempre secondo quanto riportato da Globalsecurity, è destinata a persone incarcerate in seguito a incidenti verificatisi nel settore di competenza statunitense.

A spingere Robles a ricordare pubblicamente quanto visto tre anni fa è la questione attualmente dibattuta sui siti di detenzione segreti della Cia e sui voli speciali per le persone sospettate di legami con Al Qaeda. “Non posso stabilire dei legami tra queste informazioni e Camp Bondsteel dato che non dispongo di elementi concreti al riguardo, ma penso che sia necessario esigere delle spiegazioni su questa base in Kosovo” conclude Robles.

Article Categories:
2005 · Forze Armate · Kosovo · past papers