Dic 16, 2013
149 Views
0 0

Afghanistan, RC-W ISAF: il CaSME, gen Graziano, in visita ai militari italiani che operano con “la fierezza, la determinazione e l’umanità del soldato italiano”

Written by

Il Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), generale Claudio Graziano, ha concluso ieri mattina, 15 dicembre, la visita di due giorni al Regional Command West (RC-W) di Herat, il comando multinazionale a guida italiana e su base brigata meccanizzata Aosta che, su mandato delle Nazioni Unite, opera nella regione occidentale dell’Afghanistan.

Accolto sabato al suo arrivo a Herat dal generale Michele Pellegrino, comandante dell’RC-W, il generale Graziano ha incontrato i soldati italiani schierati sul piazzale di Camp Arena, rivolgendo loro parole di plauso per quanto continuano a fare per l’Afghanistan “con la fierezza, la determinazione e l’umanità che contraddistinguono da sempre il soldato italiano”.

Al termine del suo discorso, visto l’approssimarsi delle festività natalizie e di fine anno, il CaSME ha formulato ai militari dell’Esercito e alle loro famiglie i più fervidi e sentiti auguri con l’auspicio di “continuare a operare con la fierezza e la consapevolezza di quello viene fatto non solo per l’Italia, ma per la sicurezza globale”.

Successivamente, il generale Graziano si è recato in elicottero alla base operativa avanzata di Shindand, dove ha sede la Transition Support Unit Center (TSU-C) che, su base 183° reggimento paracadutisti Nembo di Pistoia, costituisce l’unità di manovra che opera nella provincia di Herat alle dipendenze del Regional Command West.

Anche qui, dinnanzi ai paracadutisti, ai genieri, ai bersaglieri e ai trasmettitori della TSU-C, il generale ha voluto tracciare un bilancio positivo dell’operato sin qui svolto dagli italiani nell’agevolare e concludere la transizione alle forze di sicurezza afgane della leadership dell’intera provincia.

Rientrando presso la sede del comando di Camp Arena, il generale Graziano ha potuto assistere a una dimostrazione delle capacità peculiari della Task Force Genio, attualmente basata sul 4° reggimento genio guastatori di Palermo, che costituisce l’assetto deputato al controllo e alla bonifica degli itinerari percorsi quotidianamente dai convogli della coalizione multinazionale contro la minaccia degli ordigni esplosivi improvvisati (Ied, improvised explosive device).

Il CaSME ha poi incontrato il personale impiegato presso l’Operational Coordination Center – Regional (OCC-R), l’organizzazione interforze deputata al coordinamento delle attività tra il contingente multinazionale della Nato e le forze di sicurezza afgane, con il compito di aggiornare la sala operativa dell’RC-W sulla situazione delle operazioni condotte dalle forze di sicurezza afgane nelle province occidentali del paese.

Al termine della giornata, il Capo di stato maggiore ha assistito a una presentazione del Military Advisor Team (MAT), il team di advisor che, nell’ottica del processo di transizione in atto, assistono l’esercito afgano nel conseguimento del necessario grado di autonomia gestionale e operativa.

Articoli correlati:

La transizione (transition, inteqal) di ISAF in Paola Casoli il Blog

L’RC-W di ISAF in Paola Casoli il Blog

Il CaSME generale Claudio Graziano in Paola Casoli il Blog

La brigata Aosta in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate