Dic 13, 2013
142 Views
0 0

Afghanistan, RC-W ISAF: la leadership militare afgana studia il coordinamento delle forze di sicurezza

Written by

Si è svolta l’11 dicembre scorso, a Herat, la visita dei frequentatori dello Strategic Staff Course, il corso avanzato per studi strategici militari dell’esercito afgano, al Regional Command -West (RC-W) ISAF (International Security Assistance Force) di Herat, il comando multinazionale su base brigata meccanizzata Aosta che opera su mandato ONU nelle province occidentali dell’Afghanistan al comando del generale Michele Pellegrino.

La rappresentanza, costituita da 34 ufficiali generali e ufficiali superiori, è stata accolta a Camp Arena dal colonnello Fabio Asso, Senior Advisor dell’Operational Coordination Center – Regional (OCC-R), l’organizzazione interforze deputata al coordinamento delle attività tra il contingente multinazionale della NATO e le forze di sicurezza afgane, che ha il compito di aggiornare la sala operativa dell’RC-W sulla situazione delle operazioni condotte dalle Forze di sicurezza afgane nelle province occidentali del paese.

Il colonnello Asso, nell’introdurre le attività dell’OCC-R, ha sottolineato il ruolo fondamentale che il Regional Command West ha ricoperto finora nel sostenere e supportare le istituzioni civili e militari della regione ovest dell’Afghanistan, ormai quasi del tutto in grado di operare autonomamente grazie al completamento della transizione con il trasferimento a esse della responsabilità nel campo della sicurezza e del controllo del territorio.

Al termine della conferenza, gli ufficiali dello Strategic Staff Course hanno preso parte al dibattito sull’evoluzione del ruolo di ISAF in Afghanistan, ponendo particolare interesse al processo di cessione delle basi operative avanzate alle Forze Armate afgane.

Prima di lasciare Camp Arena, i corsisti hanno visitato la linea di volo della Task Force Fenice, l’unità italiana dell’Aviazione dell’Esercito (AVES) appositamente costituita per il teatro operativo afgano e che dispone di tre diverse tipologie di elicotteri – A129 Mangusta, CH47 Chinook e NH90 – al fine di ottenere un dispositivo flessibile, bilanciato e idoneo a sostenere e supportare le attività svolte dalle forze nazionali e internazionali che operano nella regione.

Articoli correlati:

Il processo di transizione (transition, inteqal) di ISAF in Paola Casoli il Blog

La Task Force Fenice in Paola Casoli il Blog

RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate