Giu 6, 2015
164 Views
0 0

Il Corpo sanitario dell’Esercito nel suo 182° anniversario: “storia di valore al fianco dei reparti”, ha affermato il CaSME gen Errico

Written by

20150604_Festa Sanità Militare_Esercito ItalianoIl Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), generale Danilo Errico, ha presenziato giovedì 4 giugno, a Roma, alla cerimonia di commemorazione del 182° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, istituito con Regio Decreto nel 1833.

Alla cerimonia, che ha avuto luogo nell’aula magna della Scuola Trasporti e Materiali (TRAMAT), sono intervenuti l’arcivescovo ordinario militare per l’Italia, S.E. monsignor Santo Marcianò, il comandante logistico dell’Esercito, generale Alessandro Montuori, il comandante per la Formazione, specializzazione e dottrina dell’Esercito, generale Vincenzo Lops, il ”decano” del Corpo sanitario dell’Esercito, generale Federico Marmo, oltre a numerose autorità religiose civili e di vertice della Forza Armata.

La cerimonia ha visto la prolusione del generale Marmo e la lectio magistralis del professor Francesco Landi, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sul tema del “Mantenimento dell’efficienza fisica attraverso il corretto stile di vita”, e del dottor Antonio Sabino, procuratore generale militare presso la Corte militare d’Appello, su “Medicina e Deontologia: tradizione e nuove sfide”.

Durante il suo intervento il CaSME ha sottolineato come “il personale sanitario dell’Esercito ha contribuito a scrivere una storia di abnegazione e di valore al fianco dei reparti, condividendone sacrifici in tutti i campi di battaglia dove medici, infermieri e barellieri, si trasformarono talvolta in combattenti e comandanti di reparto”.

Personale, ha aggiunto il CaSME, che ” continua a fornire la sua preziosa opera dal Kosovo al Libano, dalla Somalia fino all’Iraq e all’Afghanistan, in Patria nel soccorso e nell’assistenza alle popolazioni, specie in occasione di eventi calamitosi o altre emergenze nazionali, e soprattutto quando la tempestività e l’efficacia si rivelano determinanti nel salvataggio di vite umane”.

Infine il gen Errico ha concluso sottolineando che ” l’importanza della sanità militare oggi, sia in Italia sia all’estero, è valorizzata anche con accordi per la cooperazione stipulati tra il ministero della Difesa ed enti locali che tendono a migliorare e ampliare le risorse assistenziali disponibili, attraverso la condivisione di professionalità e attrezzature mediche”.

La cerimonia si è conclusa con la consegna degli attestati di riconoscimento attribuiti al personale militare distintosi per “meriti in attività sanitarie”.

Fonte e foto: Esercito Italiano

Article Categories:
Forze Armate · Iraq · Kosovo · Libano