Marina e Aeronautica ricordano insieme la tragedia del Monte Serra di 40 anni fa

“Giovedì 3 marzo 1977, alle ore 15:05, decollava dall’aeroporto di Pisa Vega 10 un C-130 della 46^ Aerobrigata con a bordo 38 allievi della Prima Classe dei Corsi Normali dell’Accademia Navale di Livorno per un volo di ambientamento, con l’Ufficiale accompagnatore Emilio Attramini e cinque membri dell’equipaggio, ricorda la Marina Militare nel comunicato stampa di commemorazione di una tragedia che quarant’anni fa colpì due Forze Armate insieme, oltre alla Marina anche l’Aeronautica Militare.

“Per cause ancora sconosciute, pochi minuti dopo il decollo – spiega il comunicato – l’aereo impattava sulle pendici del Monte Serra: non ci furono superstiti. Lo stesso anno, a bordo della Nave Scuola Amerigo Vespucci, gli allievi della prima classe sopravvissuti a questa tragedia scelsero come nome “Invicti”: mai vinti e mai divisi”.

Precisamente quarant’anni dopo, venerdì 3 marzo 2017, il ricordo è ancora vivo e indelebile e la ricorrenza particolarmente sentita ed emozionante.

Le tradizionali commemorazioni, si apprende, hanno visto quest’anno la presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina (CaSMM), amm Valter Girardelli, al fianco delle autorità civili, religiose e militari.

La Santa Messa, celebrata nella Chiesa parrocchiale di Calci, in provincia di Pisa, era gremita di familiari delle vittime, guidati dal Presidente dell’Associazione Caduti del Monte Serra, Nicolò Tomatis, di appartenenti al Corso Invicti e di rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

Il momento più solenne è stato rappresentato la deposizione delle corone di alloro presso il Sacrario-Faro, eretto sul luogo della tragedia a perenne ricordo del drammatico evento.

Qui gli Invicti, guidati dal loro Capocorso, ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, dopo il silenzio d’ordinanza e all’ombra della loro bandiera hanno ricordato, nome per nome, tutti i compagni di Corso venuti a mancare nell’incidente e negli anni successivi al grido “Presente!”.

Il giorno 4 marzo, in occasione dell’11° Gran Premio del Monte Serra “Ragazzi del Vega 10”, è stata organizzata una corsa podistica tutta in salita attraverso un percorso suggestivo che lega la Certosa di Calci fino ai piedi del Sacrario-Faro.

L’evento, organizzato dai Pisa Road Runners, ha costituito una manifestazione U.I.S.P. (Unione Italiana Sport Per tutti) aperta a tutti i tesserati F.I.D.A.L., con il supporto dal Comune di Calci e dalle associazioni di volontariato locale nonché dei corpi militari, tra cui la 46^ brigata Aerea di Pisa e l’Accademia Navale di Livorno, i cui Allievi hanno partecipato in forze all’evento.

Articoli correlati:

La 46^ brigata aerea in Paola Casoli il Blog

L’Accademia Navale di Livorno in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare