CESIVA: da oggi al poligono di Tor della Nebbia gli atti tattici della 3^ parte della 2^ SIO. Concluse le livex ai CAT di Teulada e Lecce

Si è concluso venerdì 17 novembre al Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA), a Civitavecchia, il secondo atto della 2^ Sessione Integrazione Operativa 2017 (S.I.O.), mentre presso i dipendenti Centri Addestramento Tattici (CAT) di Capo Teulada, Cagliari, e di Lecce si sono chiuse rispettivamente l’esercitazione “Capricorno 5/2017” e la “Centauro 4/2017”, ha fatto sapere oggi lo stesso CESIVA con un comunicato stampa.

La  2^ S.I.O 2017, che si è tenuta nella caserma Giorgi di Civitavecchia dal 30 ottobre al 17 novembre, era finalizzata alla configurazione dei sistemi digitalizzati di C2 e ha visto impiegato un team di specialisti dell’Esercito coordinato e supervisionato da personale del CESIVA.

L’attività fa seguito a quella svolta al Centro dal 16 al 27 ottobre completamente dedicata al “Test Scenario”, durante la quale, con lo svolgimento di una “Risk Reduction” propedeutica alla Campagna di sperimentazione Tecnico Tattica e Tecnico Operativa (TT&TO), furono definiti gli atti tattici operativi con test di verifica funzionale sulle nuove versioni software dei sistemi C2 (link articolo in calce).

La terza e ultima parte, di previsto svolgimento da oggi, 20 novembre, al prossimo 1° dicembre al poligono di Tor di Nebbia di Lecce, sarà interamente dedicata alla “Fase Condotta” con lo sviluppo pratico degli atti tattici, fa sapere il CESIVA.

Presso il poligono di Capo Teulada, dal 6 al 17 di novembre, si è intanto svolta l’esercitazione “Capricorno 5/2017”.

L’attività livex, che permette alle unità della Forza Armata di operare in ambienti reali utilizzando le armi individuali, i veicoli e i sistemi d’arma in dotazione, vedeva un gruppo tattico di fanteria leggera addestrato nella pianificazione, organizzazione e condotta di una operazione di sostegno alla pace nel Teatro Medio Orientale.

In particolare, una unità BLUFOR, composta da un gruppo tattico del 151° reggimento Fanteria della brigata Sassari, si è contrapposto a una GENFOR (Generic Enemy Forces) formata da un complesso minore del 3° reggimento Bersaglieri.

Nel corso dell’esercitazione, spiega il CESIVA nel suo comunicato, sono state condotte attività diurne e notturne caratterizzate da somministrazione di attivazioni crescenti in termini di intensità e difficoltà.

Nel Centro Addestramento Tattico di 2° livello di Lecce, dal 13 al 17 novembre scorsi, si è tenuta l’esercitazione “Centauro 4/2017”.

L’attività, atto conclusivo del corso Esplorazione Tattica Terrestre, ha visto l’Unità BLUFOR, composta da ufficiali frequentatori del corso RSTA, VFP1/4 e VSP della Scuola di Cavalleria, contrapposta all’Unità OPFOR, formata da un plotone del 31° reggimento Carri.

“Nell’ambito della simulazione addestrativa Live, Constructive e Virtual, il CESIVA costituisce il principale riferimento dell’Esercito per l’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale – ricorda il Centro nel suo comunicato – utilizzando sistemi informatici tecnologicamente avanzati di simulazione e di comando e controllo, avvalendosi della collaborazione di esperti di settore e di personale già impiegato nel teatro operativo di riferimento”.

Articoli correlati:

CESIVA e CAT Brunico: concluse 2^ SIO e livex Aquila 6/2017; continua la sperimentazione dei sistemi Forza NEC (1° novembre 2017)

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Le SIO ’17 al CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA