Il CME Puglia “richiama” nella Caserma Picca il Sottufficiale Vasti, di 107 anni, per l’inaugurazione di un monumento

Si è svolta oggi a Bari, nella Caserma Domenico Picca, sede del Comando Militare Esercito (CME) Puglia, l’inaugurazione del Monumento scultoreo rappresentante lo stemma araldico della Forza Armata, dedicato a tutti i militari italiani, operatori di pace nel mondo, fa sapere con un comunicato stampa odierno lo stesso Comando territoriale.

L’opera, frutto delle mani dei maestri scalpellini Pasquale Patruno e Nunzio Leone, è alta un metro e ottanta centimetri e larga circa un metro e mezzo ed è interamente realizzata in tufo canosino.

Si compone di tre parti: in alto, la corona simbolo dell’appartenenza alle Forze Armate, al centro lo scudo araldico con la rappresentazione di una corazza da centurione romano in cui confluiscono tutti gli elementi figurativi che caratterizzano le varie Armi dell’Esercito, e infine, in basso, il motto: “Salus Rei Publicae Suprema Lex Esto”. “Tale massima, propria dell’antico Diritto romano, pone al primo posto su tutto, la salvaguardia e l’incolumità dello Stato”, sottolinea il comunicato.

Il monumento è stato inaugurato dal Comandante Militare territoriale dell’Esercito in Puglia, Generale di Brigata Giorgio Rainò, e dal Maresciallo Maggiore Aiutante di Battaglia Vitantonio Vasti, classe 1912, reduce della Seconda Guerra Mondiale e sottufficiale dell’Esercito vivente più anziano d’Italia.

“La presenza del Cavalier Vasti, originario di Polignano a Mare, – si legge dal comunicato – è stata fortemente voluta dal Generale Rainò, per sottolineare l’univocità dei valori che contraddistinguono le Forze Armate di ieri e di oggi. Valori fondamentali, come lealtà, dovere, esempio, onore, coraggio, amor Patrio, di cui l’Esercito si sente custode”.

A rendere ancor più suggestiva la sobria cerimonia l’intervento della Banda della Brigata Meccanizzata Pinerolo, magistralmente diretta dal Maresciallo Carlo Resta, che al termine dell’inaugurazione ha eseguito un concerto intonando brani della tradizione militare, folcloristica e pop.

All’evento hanno partecipato i Sindaci e le rappresentanze delle città di Bari, Candela, Canosa di Puglia, Corato, Maglie, Mola di Bari e Polignano a Mare, tutte località in cui di recente sono state sviluppate sinergiche attività, spiega il CME Puglia, e una folta rappresentanza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

Il Generale Rainò, esprimendo grande soddisfazione per la riuscita dell’evento, ha ringraziato tutti i presenti e in particolare i Sindaci, gli scultori Pasquale Patruno e Nunzio Leone, nonché l’Associazione Nazionale Bersaglieri di Canosa di Puglia, per aver fattivamente contribuito alla realizzazione dell’evento, lasciando, nella storica Caserma Picca, un tangibile segno dello stretto legame esistente tra l’Esercito, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e la società civile.

Articolo correlato:

CME Puglia: sarà il Maresciallo Vasti, classe 1912, a inaugurare il nuovo monumento con lo stemma araldico dell’Esercito alla Caserma Picca (28 giugno 2019)

Fonte e foto: CME Puglia