Feb 21, 2012
472 Views
0 0

Afghanistan, lutto per il 66° reggimento Trieste: arrivano in Italia domani le salme dei militari italiani deceduti ieri mattina

Written by

Partiranno questa sera 21 febbraio dall’Afghanistan le salme dei tre militari italiani in forza al 66° reggimento aeromobile Trieste di Forlì deceduti ieri mattina nei pressi di Shindand, nell’Afghanistan occidentale.

Il Caporal Maggiore Capo Francesco Currò, il 1° Caporal Maggiore Francesco Paolo Messineo e il 1° Caporal Maggiore Luca Valente, questi i loro nomi, sono morti nel loro mezzo, un veicolo tattico multiruolo (VTML) Lince del contingente italiano appartenente alla Task Force Center con base a Shindand, ribaltatosi in un profondo corso d’acqua mentre tentavano di  recuperare una unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse.

I tre militari sono rimasti intrappolati nel mezzo senza più riuscire a uscirne. Un quarto militare, anche lui a bordo del Lince, ritrovato in stato di ipotermia, è stato dapprima ricoverato nell’ospedale militare di Shindand, di Role2, e, dimesso, è ora in viaggio verso Herat, sede del Regional Command West (RC-W) su base brigata Sassari al comando del generale Luciano Portolano.

Articoli correlati:

Afghanistan, a Shindand l’RC-W perde tre uomini del 66° reggimento aeromobile Trieste. I nomi (20 febbraio 2012)

Afghanistan, Shindand: morti tre militari italiani in incidente stradale (20 febbraio 2012)

Fonti proprie

Foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate