Feb 1, 2014
385 Views
0 0

KFOR, Kosovo: visita dell’ordinario militare, monsignor Santo Marcianò. Il programma dei prossimi giorni

Written by

È giunto oggi, 1° febbraio, in Kosovo Sua Eccellenza Reverendissima, monsignor Santo Marcianò, ordinario militare per l’Italia, in visita al contingente italiano impegnato nella missione NATO Kosovo Force (KFOR).

Monsignor Marcianò è stato ricevuto dal comandante della Kosovo Force (KFOR), generale Salvatore Farina, che, nel ringraziare l’ordinario militare per l’Italia, ha sottolineato come “la sua presenza e l’opera quotidiana svolta dai due cappellani militari rappresenti un messaggio di forte vicinanza a tutti i militari e confermi il supporto spirituale al contingente.

“KFOR – ha poi sottolineato il generale Farina – favorisce il dialogo tra tutte le rappresentanti religiose in Kosovo, operando quotidianamente a supporto della pace, la cooperazione e il progresso del territorio”.

“L’Italia – ha concluso il generale Farina, attuale comandante di oltre 5mila militari appartenenti alle forze armate di 31 nazioni – è tra i principali sostenitori della missione in Kosovo”.

In serata, presso la base di Film City, monsignor Marcianò ha incontrato il personale del contingente italiano e ha officiato la messa nella cappella situata all’interno del campo militare internazionale.

Nei prossimi giorni, durante la sua visita, monsignor Marcianò visiterà il Patriarcato di Pec e, a seguire, il monastero ortodosso di Decani, dove sarà ricevuto da Padre Sava, abate del monastero che dal 2004 fa parte dell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO ed è sotto la protezione delle Nazioni Unite e del Multinational Battle Group West (MBGW) di KFOR a comando italiano.

A Belo Polje, presso il campo di Villaggio Italia, sede del Multinational Battle Group West, monsignor Marcianò incontrerà gli uomini e le donne del contingente italiano a testimonianza della vicinanza e dell’apprezzamento per la professionalità e il quotidiano impegno dimostrato nel delicato processo di supporto della pace in Kosovo.

A Klina, città del settore ovest del Kosovo, all’interno dell’area di responsabilità del contingente italiano, monsignor Santo Marcianò visiterà la sede della Caritas Umbria in Kosovo, per poi partecipare all’inaugurazione della casa di accoglienza delle Sorelle Basiliane.

Nel comune di Gracanica, presso il monastero ortodosso, dedicato alla Nostra Signora di Ljeviš, l’ordinario militare incontrerà il vescovo ortodosso Teodosie, per poi concludere la sua visita in Kosovo nella cattedrale di Pristina, dove sarà ricevuto dal vescovo cattolico monsignor Giergi Dode, con il quale avrà modo di approfondire i temi riguardanti la condizione della comunità dei cristiani residenti nel paese.

Articoli correlati:

La KFOR in Paola Casoli li Blog

L’ordinario militare mons Santo Marcianò in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: KFOR PAO

Article Categories:
Forze Armate · Kosovo