UNIFIL: serie di incontri politico-diplomatici per il comandante gen Portolano dopo tripartite meeting. Vigilanza incrementata a seguito combattimenti su Monte Hermon a ridosso zona UNIFIL

All’indomani dell’ultimo incontro tripartito, o tripartite meeting, il generale Luciano Portolano, Head of Mission e Force Commander di UNIFIL, ha proseguito nella sua attività di mediazione politico-diplomatica attraverso una serie di incontri con i vertici politici e militari libanesi.

Venerdì scorso, 14 novembre, si è infatti concluso un ciclo di visite che ha visto il comandante di UNIFIL incontrare il premier Tammam Salam, il presidente del Parlamento, Nabih Berri, il Comandante delle Lebanese Armed Forces (LAF), generale Jean Kahawaji, e il direttore del Dipartimento di sicurezza libanese, generale Abbas Ibrhaim.

Al centro delle discussioni si è confermato il tema della sicurezza, elemento critico nell’attualità libanese.

Il generale Portolano ha ribadito che i recenti combattimenti sul Monte Hermon, nel versante siriano, tra le milizie druse, in appoggio al governo di Damasco, e i gruppi ribelli “non hanno avuto alcun riflesso sugli equilibri della zona di Cheeba nell’area di responsabilità di UNIFIL, che rimane stabile”.

“Naturalmente – ha continuato il Force Commander – è stata incrementata la vigilanza, in stretta cooperazione con le LAF, per poter fronteggiare efficacemente e prontamente ogni possibile criticità”.

In tale contesto si è discusso del recente incontro tripartito e dell’importanza che questo forum ricopre quale strumento di confidence building tra Libano e Israele, che ha dimostrato in più occasioni la sua efficacia nell’evitare che incidenti e violazioni della Blue Line potessero dar vita a pericolose spiralizzazioni, come in occasione degli incidenti occorsi il 5 e il 7 ottobre scorso nell’area di Cheeba.

Il generale Portolano ha aggiunto che “il primo ministro Salam e il presidente del Parlamento Berri  hanno espresso il loro apprezzamento per l’efficienza operativa dimostrata da UNIFIL e per l’eccellente rapporto che i caschi blu hanno creato con la popolazione del sud del Libano”.

E ha sottolineato: Ho ribadito loro che la sicurezza e il benessere di questa gente sono al centro delle attività di UNIFIL”.

Al termine delle visite, il generale Portolano si è detto molto soddisfatto per il rinnovato impegno del governo libanese verso la completa attuazione della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Articoli correlati:

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

I tripartite meeting in Paola Casoli il Blog

La Blue Line in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: UNIFIL MPIO