Dic 21, 2015
7 Views
0 0

“KFOR importante nella prevenzione al terrorismo” sottolinea il CaSMD gen Graziano a Pristina

Written by

20151219_KFOR_visita CaSMD gen Graziano_Pristina_Ph Cr PERNA -DE NICOLA (7)Il Capo di Stato Maggiore della Difesa (CaSMD) italiano, generale Claudio Graziano, si è recato in vista al contingente italiano che opera in Kosovo nell’ambito della Forza multinazionale NATO KFOR per portare il proprio saluto e quello di tutte le Forze Armate in occasione dell’avvicinarsi delle prossime festività, fa sapere la stessa KFOR con un comunicato stampa datato 19 dicembre.

Il generale Graziano, accolto al suo arrivo dal comandante di KFOR, generale Guglielmo Luigi Miglietta, è stato aggiornato sulla situazione operativa corrente, le condizioni di sicurezza in Kosovo e il ruolo dei militari di KFOR quale partner cruciale nel processo di stabilizzazione dell’area balcanica.

La visita è proseguita con l’incontro con il personale militare, uomini e donne delle Forze Armate e dell’Arma dei Carabinieri, a cui il CaSMD ha rivolto parole di apprezzamento per il livello di professionalità, la dedizione e per l’impegno profuso in questo complesso teatro di operazione, sottolinea lo stesso comunicato di KFOR.

20151219_KFOR_visita CaSMD gen Graziano_Pristina_Ph Cr PERNA -DE NICOLA (8)“La presenza della NATO in Kosovo, in questo particolare momento storico, è molto importante dal punto di vista anche della prevenzione al terrorismo – ha inteso sottolineare il CaSMD – questo paese è nel cuore dell’Europa e rappresenta un’area di grande interesse per l’Italia, che da sempre è stata in prima linea per la sua stabilità e per quella dell’intera area balcanica. Un impegno che viene apprezzato a livello internazionale e che vede, da alcuni anni, assegnare la leadership della missione al nostro Paese”.

L’Italia, presente nella missione sin dalla sua apertura nel 1999, è uno dei maggiori contributori di truppe a favore di KFOR con oltre 550 militari impegnati in Kosovo sia nel Multinational Battle Group West (MNBG-W), nel Joint Regional Detachment Centre, nella Multinational Support Unit dei Carabinieri e nel Comando della Forza a Pristina.

Infine, il generale Graziano ha incontrato l’Ambasciatore d’Italia in Kosovo, S.E. Andreas Ferrarese, che ha sottolineato come “la presenza di KFOR e della componente italiana contribuisce in maniera determinante al raggiungimento degli obiettivi richiesti dalla Comunità Internazionale e alla creazione delle necessarie premesse per lo sviluppo e la completa stabilizzazione dell’area”.

Articoli correlati:

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: KFOR

Article Categories:
Forze Armate · Kosovo