Dic 19, 2011
22 Views
0 0

Il più grande successo prima del week-end: insorti afgani cedono le armi all’RC-W di ISAF e si reintegrano

Written by

E’ avvenuto tutto in Afghanistan a metà della settimana scorsa, mercoledì 14 dicembre, ma si è saputo venerdì, alla vigilia del week-end.

A Herat, sede del Regional Command West (RC-W) su base brigata Sassari di ISAF, nell’area dell’Afghanistan sotto la responsabilità italiana al comando del generale Luciano Portolano, circa 300 tra comandanti e combattenti affiliati, ribelli di diverse etnie e rango provenienti dai distretti settentrionali di Qadis e Morghab e da quelli centrali della provincia di Herat, hanno rinunciato all’illegalità cedendo le loro armi.

Un successo che è il risultato di complessi negoziati condotti dalle preposte agenzie governative in forza della pressione operativa esercitata dall’RC-W nei mesi di ottobre e novembre nel settore nord dell’area di responsabilità.

Tale strategia di “diversificazione degli effetti”, come spiega il comunicato stampa dell’RC-W ISAF, è stata elaborata dal Comando della regione ovest unitamente alle autorità delle forze di sicurezza afgane con l’obiettivo di sfruttare appieno tanto la maggiore presenza e mobilità sul territorio delle forze NATO, quanto i vantaggi derivanti da una assidua e mirata campagna informativa, mirata a spezzare i legami di tenuta economici, etnici e ideologici della rete criminale, frutto del sodalizio storico tra i gruppi insorgenti e le popolazioni.

Negli ultimi due mesi, si apprende, nelle operazioni condotte dall’RC-W è stato dato grande impulso sia alla condotta di attività tradizionalmente cinetiche, ossia connesse con il contrasto dinamico dell’insorgenza, sia a quelle non cinetiche, sviluppate direttamente a favore delle popolazioni locali per favorire il processo di reintegrazione degli insorgenti e la crescita del consenso nei confronti delle istituzioni.

E alla fine l’efficace interazione tra le istituzioni politiche locali e le componenti dello staff di RC-W, responsabili della comunicazione, dell’intelligence e della cooperazione civile e militare (CIMIC), ha reso possibile inserire nel programma di reintegrazione ribelli di diverse etnie e rango.

Al formale atto di rinuncia all’illegalità e alla definitiva consegna delle armi, il “più importante risultato a oggi mai registrato in RC-W in materia di reintegrazione”, hanno presenziato i  rappresentanti dell’RC-W, un rappresentante del Parlamento del Governo di Kabul, due senatori, una delegazione del 207° Corpo d’Armata dell’Afghan National Army (ANA) e circa seicento cittadini afgani.

Articoli correlati:

Afghanistan, RC-W ISAF: i successi della brigata Sassari tra ritrovamenti di cache e operazioni congiunte di controllo del territorio (15 dicembre 2011)

L’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

La brigata meccanizzata Sassari in Paola Casoli il Blog

Il generale Luciano Portolano in Paola Casoli il Blog

Fonte: RC-W ISAF

Foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate · Sicurezza