Dic 3, 2012
160 Views
0 0

Primo volo per il nEUROn, il primo UCAV sviluppato su piattaforma virtuale

Written by

Volo inaugurale lo scorso 1° dicembre presso la base militare di Istres, in Francia, per il nEUROn, il primo dimostratore tecnologico di nuova generazione per un UCAV (Unmanned Combat Aerial Vehicle) europeo.

I rappresentanti di tutti e sei i paesi partecipanti al progetto (Francia, Italia, Svezia, Spagna, Svizzera e Grecia) erano presenti all’evento, fa sapere in un comunicato stampa Alenia Aermacchi, l’azienda di Venegono del gruppo Finmeccanica.

Il nEUROn, che aveva effettuato il roll-out lo scorso gennaio dopo cinque anni di progettazione, sviluppo, assemblaggio e prove statiche, rappresenta a tutti gli effetti un triplice primato per l’Europa e per le industrie aerospaziali dei paesi che aderiscono al programma: è il primo UCAV sviluppato attraverso la cooperazione tra più paesi europei; è il primo velivolo da combattimento stealth ed è il primo velivolo da combattimento interamente progettato e sviluppato su di una piattaforma virtuale.

Il programma nEUROn è stato lanciato dal ministero della Difesa francese ed è sostenuto da Italia, Svezia, Spagna, Grecia e Svizzera con l’obiettivo di realizzare un dimostratore tecnologico di un velivolo da combattimento non pilotato UCAV.

Dal punto di vista industriale il nEUROn è un programma guidato dalla francese Dassault Aviation con Alenia Aermacchi come primo partner industriale, con una partecipazione pari al 22% del programma e con responsabilità a livello di sistema e sottosistema. Alenia Aermacchi inoltre, come capofila nazionale, guida un gruppo di società italiane che include anche SELEX Galileo, società di Finmeccanica.

Alenia Aermacchi è responsabile della progettazione e produzione del sistema di generazione e distribuzione elettrica; del sistema dati aria a bassa osservabilità e soprattutto del sistema integrato di armamento con piena autonomia di gestione dei sottosistemi, la cosiddetta Smart Integrated Weapon Bay (SIWB), che effettuerà automaticamente il riconoscimento del bersaglio; la trasmissione della richiesta di approvazione al comandante della stazione di terra e il lancio dell’armamento con modalità stealth.

Questo volo inaugurale arriva dopo un’intensa attività di prove motore. Il velivolo sarà ora sottoposto a un programma di test in volo per un periodo di circa due anni in Francia, Svezia e Italia. Questi test riguarderanno qualità del volo; grado di invisibilità ai radar (stealth); sistemi aria-terra lanciati dal vano di carico interno; integrazione in un ambiente C4i (comando, controllo comunicazione, computer e intelligence) nonché integrazione di una piattaforma non abitata negli spazi aerei.

“Per Alenia Aermacchi e per tutta l’industria italiana – ha detto Giuseppe Giordo, amministratore delegato di Alenia Aermacchi – il primo volo del nEUROn  rappresenta un traguardo estremamente importante perché sin dall’inizio abbiamo profuso in questo progetto importanti risorse umane, finanziarie e tecnologiche con l’obiettivo di validare soluzioni e tecnologie che saranno poi impiegate su tutti i futuri programmi di questo tipo”.

Alenia Aermacchi ha sempre prestato grande attenzione alle attività di sviluppo tecnologico e dimostrazione della nuova frontiera del volo, i velivoli senza pilota, capaci di compiere missioni complesse, in maniera autonoma, come lo Sky-X che ha effettuato il suo primo volo nel 2005 e lo Sky-Y che ha volato per la prima volta nel 2007, le prime macchine della loro categoria mai sviluppate in Europa.

Articoli correlati:

Gli UCAV in Paola Casoli il Blog

La Alenia Aermacchi in Paola Casoli il Blog

Fonte: Alenia Aermacchi

Foto: Alenia Aermacchi

Article Categories:
Forze Armate · Sicurezza