Gen 24, 2012
485 Views
0 0

La brigata bersaglieri Garibaldi si prepara all’Afghanistan con un corso C-IED

Written by

Dalla fine del mese di marzo per sei mesi sarà a Herat, nell’area di responsabilità italiana nell’Afghanistan occidentale, per proseguire il lavoro della brigata Sassari al Regional Command West (RC-W) di ISAF.

Per questo nell’ambito della preparazione specifica pre-dispiegamento la brigata bersaglieri Garibaldi di Caserta, al comando del generale Luigi Chiapperini, ha appena concluso un corso anti-ordigni improvvisati (C-IED).

L’attività era mirata espressamente a preparare i comandanti e il loro staff nella pianificazione e condotta di attività in teatro operativo, prevedendo di affrontare la minaccia IED e e di prevenire eventuali attacchi.

Si è trattato di un corso interforze svolto la settimana scorsa per la prima volta a Caserta, nella caserma Ferrari Orsi sede del Comando della brigata, organizzato dalla Sezione Addestramento e diretto dal comandante del 21° reggimento Genio, colonnello Giampaolo Mirra.

Al corso hanno partecipato ufficiali stranieri provenienti dall’Allied Command Trasformation (ACT) della NATO, in veste di tutors e istruttori del centro d’eccellenza del Genio con sede a Roma.

Lo scorso 17 gennaio la brigata aveva ricevuto la visita di Monsignor Pietro Farina, vescovo di Caserta, che aveva partecipato alla cerimonia dell’alzabandiera nella caserma sede della brigata.

In quell’occasione il vescovo aveva rivolto un pensiero augurale ai militari prossimamente impegnati nel teatro afgano.

Articoli correlati:

Afghanistan: italiani via a partire da fine 2012. Transition rischiosa, avverte ministro Di Paola (18 gennaio 2012)

La brigata Garibaldi in Paola Casoli il Blog

La transition in Paola Casoli il Blog

L’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

Gli IED in Paola Casoli il Blog

Fonte: brigata bersaglieri Garibaldi

Foto: brigata bersaglieri Garibaldi

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate · Sicurezza